Martedì 17 Ottobre 2017
NEWS
Il patto del giudice PDF Stampa

di Mimmo Gangemi

Patto del GiudiceLa città è infuocata dalla rivolta. Per un giorno e una notte imperversano neri armati di bastoni, catene, spranghe di ferro. Poi se ne riappropriano i padroni, loro con pistole, fucili, coltelli. Mohà, Lodit e Kwei si sono nascosti. La vendetta li raggiunge ugualmente. L'unico testimone degli omicidi è Taiwo, che scappa lontano.
Qualche mese dopo, in un container scaricato al porto, duecento chili di cocaina: i carabinieri montano la guardia, la droga scompare lo stesso, un funzionario della dogana fa una brutta fine.
Due indagini parallele affidate ad Alberto Lenzi, il «giudice meschino» – magistrato indolente e indisciplinato e con un debole per le belle donne – nato e cresciuto in quella terra dove crimine vuol dire 'ndrangheta e dove nulla è come sembra. Giostrando sul filo del pericolo il suo rapporto diretto – di ingannevole complicità e amicizia – con un potente capobastone, Lenzi decifrerà i due misteri intrecciati, e farà la sua giustizia.
Mimmo Gangemi è uno dei nostri grandi narratori, e in un poliziesco dallo stile unico sa restituire tutta la complessità dell'Italia di oggi.


Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Febbraio 2013 12:36
 
Oltre la Storia PDF Stampa

Oltre la storiadi Maria Grazia Fida

L’atto di eroismo è sempre la sintesi sublime degli ideali, dei sentimenti e delle esperienze di chi lo compie. In altre parole, esso non è “semplicemente” un fatto sollecitato da drammatiche e contingenti situazioni di pericolo, ma una scelta consapevole che affonda le radici nel profondo sentire della persona e che determina il nostro agire con il corale coinvolgimento della mente e dell’animo. Per cogliere appieno la grandezza di un atto di eroismo, quindi, è necessario conoscere il carattere, le passioni, l’indole, l’educazione, i comportamenti quotidiani di quanti affrontano questa prova suprema. L’opera della dottoressa Maria Grazia Fida ci aiuta proprio in questo esame delle “radici”, proponendoci un nuovo viaggio nella vita del nostro Salvo D’Acquisto, raccontato con linearità e dovizia di tanti particolari momenti di quotidianità. Generale C.A. Leonardo Giovannelli Comandante Generale dell'Arma dei Carabinieri.


"Esempio luminoso di altruismo, spinto fino alla suprema rinunzia della vita, sul luogo stesso del supplizio, dove, per barbara rappresaglia, erano stati condotti dalle orde naziste 22 ostaggi civili del territorio della sua stazione, non esitava a dichiararsi unico responsabile d'un presunto attentato contro le forze armate tedesche. Affrontava così da solo, impavido, la morte imponendosi al rispetto dei suoi stessi carnefici e scrivendo una nuova pagina indelebile di purissimo eroismo nella storia gloriosa dell'Arma".

 
La collina del vento PDF Stampa

di Carmine Abate

la collina del vento

Il 3 marzo 2012, alle ore 19.00 a Palazzo Baldari, Gioia Tauro grande momento culturale in compagnia dello scrittore Carmine Abate (Premio Napoli, premio Selezione Campiello, Premio Corrado Alvaro, Premio Tropea). Lo scrittore Calabrese presenterà il suo ultimo romanzo attraverso un reading letterario accompagnato dalla musica del maestro Cataldo Perri e dalla formazione de “Lo Squintetto”.

Chi già ha assistito al reading di "Vivere per addizioni e altri viaggi" sa che è un momento di grande emozione e di intesa espressione artistica.

 

Dalla copertina:

Impetuoso, lieve, sconvolgente: è il vento che soffia senza requie sulle pendici del Rossarco, leggendaria, enigmatica altura a pochi chilometri dal mar Jonio. Il vento scuote gli olivi secolari e gli arbusti odorosi, ulula nel buio, canta di un antico segreto sepolto e fa danzare le foglie come ricordi dimenticati.
Proprio i ricordi condivisi sulla "collina del vento" costituiscono le radici profonde della famiglia Arcuri, che da generazioni considera il Rossarco non solo luogo sacro delle origini, ma anche simbolo di una terra vitale che non si arrende e tempio all'aria aperta di una dirittura etica forte quanto una fede. Così, quando il celebre archeologo trentino Paolo Orsi sale sulla collina alla ricerca della mitica città di Krimisa e la campagna di scavi si tinge di giallo, gli Arcuri cominciano a scontrarsi con l'invidia violenta degli uomini, la prepotenza del latifondista locale e le intimidazioni mafiose. Testimone fin da bambino di questa straordinaria resistenza ai soprusi è Michelangelo Arcuri, che molti anni dopo diventerà il custode della collina e dei suoi inconfessabili segreti. Ma spetterà a Rino, il più giovane degli Arcuri, di onorare una promessa fatta al padre e ricostruire pezzo per pezzo un secolo di storia familiare che s'intreccia con la grande storia d'Italia, dal primo conflitto mondiale agli anni cupi del fascismo, dalla liberazione alla rinascita di un'intera nazione nel sogno di un benessere illusorio.
Carmine Abate dà vita a un romanzo dal ritmo serrato e dal linguaggio seducente, che parte da Alberto, il tenace patriarca, agli inizi del Novecento, passa per i suoi tre figli soldati nella Grande Guerra e per tutte le sue donne forti e sensuali, e giunge fino a Umberto Zanotti-Bianco, all'affascinante Torinèsia e all'ultimo degli Arcuri, uomo dei nostri giorni che sceglie di andare lontano. La collina del vento è la saga appassionata e coinvolgente, epica ed eroica di una famiglia che nessuna avversità riesce a piegare, che nessun vento potrà mai domare.

 
Non è un paese per donne PDF Stampa

Non è un paese per donneIl nuovo appuntamento del festival "A Nord di Tangeri" vede la conversazione sul libro "Non è un paese per donne" edito da Mondadori. L'incontro si terrà mercoledì 28 dicembre a palazzo Baldari di Gioia Tauro alle ore 18:00. Ospite della serata sarà Manuela Iatì, giornalista e autrice di uno dei racconti dell'antologia. Il libro contiene infatti 14 brani di autrici differenti, differenti per età, formazione, provenienza geografica, ma unite da un unico obiettivo: offrire un'istantanea dai toni molteplici della condizione femminile dell'Italia del Duemila. Una condizione che ancora oggi presenta poche luci e molte, troppe ombre. Le une e le altre sono raccontate in questa antologia di storie vere, verosimili o inventate, ma sempre autentiche, nelle quali ogni donna non potrà non riconoscersi. L'eterogeneità dei racconti, a volte comici, ironici altre volte teneri o drammatici, rendono il libro molto gradevole e dipingono con precisione il mondo di straordinaria normalità delle  protagoniste.

 
"Vivere per addizione e altri viaggi!" PDF Stampa E-mail

Vivere per addizioniMercoledì 21 dicembre, presso l'auditorium comunale di Rosarno, si terrà un reading di Carmine Abate accompagnato dalle note di Nino Forestieri. Questo spettacolo letterario musicale rientra nel programma "A Nord di Tangeri" organizzato dai Comuni di Gioia Tauro e Rosarno e cofinanziato dalla Regione Calabria attraverso il Fondo Unico per la Cultura.

Il libro che Carmine Abate leggerà è "Vivere per addizioni e altri viaggi" dove con la consueta affabulazione rapinosa e una lingua capace di incarnare la pluralità dei luoghi, delle culture e delle esperienze, l'autore narra i viaggi ininterrotti del suo eroe: viaggi di andata e di ritorno, nella memoria e nel presente. Oltre a questo libro saranno presenti i volumi Anni Veloci, Tra i due mari, La moto di Scandeberg. La musica sarà curata da Nino Forestieri che attualmente è tra gli autori più interessanti dell’attuale panorama musicale regionale.

Il programma di questo festival della cultura mediterranea prevede inoltre la conversazione sul libro "Non è un paese per donne" con Manuela Iatì, il concerto dei mattanza "Cu non ha non è" una esibizione dei Gospel Project, Koralira in concerto e due mostre fotografiche nei due comuni organizzatori.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 3